29 ottobre dalle h 21 | Cagliari – Teatro Massimo

 

 

ASS.CULT.RI.E.S.CO./ASS.EXPRESSO FORMA 

 “Heres: nel nome del figlio”

FRANCIA/ITALIA (Puglia)

Creazione coreografia e interpretazione: Ezio Schiavulli

Creazione musicale: Anne Paceo, Elvire Jouve e Dario De Filippo

Interpreti musicisti: Dario De Filippo e Donato Manco

Creazione Luci: Fabio Fornelli

Direzione Tecnica: Aurelien Boeglin

Foto: Patrick Lambin

 

Produzione: Associazione Culturale Ri.E.S.Co. (ricerca e sviluppo coreografico, Bari) Association Expresso Forma (Strasburgo)

Co-produzione: Pôle Sud - CDCN di Strasburgo, Theatre du Marche’ aux Grains (Bouxwiller), Teatro Pubblico Pugliese, Réseau Grand Luxe [3CL Lussemburgo, Theater Freiburg, Ballet de Lorraine , L’Abri Genève, Ballet Opéra National du Rhin, Pôle Sud – CDCN Strasburgo, Grand Studio Bruxelles]. Con il sostegno di: Ministero della Cultura, Regione Puglia, Ministero Cultura Francese (DRAC Grand Est), Regione Grand Est (Fr), Provincia del Basso-Reno (Alsazia-Fr), Istituto Italiano di Strasburgo, SPEDIDAM, il Centro Coreografico Nazionale Ballet de l’Opera National du Rhin (FR).

“Heres : nel nome del figlio” percorre le tracce dei miti greci, è un assolo particolarmente percussivo e musicale nato dalla collaborazione scenica con due batteristi della scena musicale contemporanea e internazionale, Anne Paceo e Dario De Filippo. Esplora i complessi di Edipo e di Telemaco, è un percorso di studio e di ricerca su un tema universale: quello del rapporto padre-figlio. E’ una domanda che parte dall'esperienza personale del coreografo che cerca di definire il ruolo e l'identità dell'erede: ”Quale eredità i padri lasciano ai figli? Eredi di un'assenza di valori, prospettive e radici o futuri artefici di nuovi orizzonti che vanno tracciati sulla base dell'esperienza dei padri?”

Un tema immortale ma soprattutto opportuno ed essenziale per la società contemporanea, frastagliata e confusa, dove il significato della parola “Erede” oscilla, adesso come non mai, tra le sue due probabili etimologie: “essere privato-vuoto” e “colui che riceve”. La creazione stabilisce un forte parallelismo tra il rapporto padre-figlio e la costruzione dell'identità sociale: il radicamento, lo sradicamento e la questione delle origini.

La Compagnia Ez3 è nata nel 2007 sotto la guida del coreografo Ezio Schiavulli in Francia, dove ha beneficiato in particolare di una convenzione triennale con il Dipartimento e la Regione Ile-de-France, nell'ambito di un'iniziativa territoriale di residenza in diversi comuni del territorio. Il cuore del suo progetto risiede nello sviluppo della creazione coreografica, nella diffusione, nella formazione, nella sensibilizzazione e nell'educazione artistica.

Nel 2017 si è trasferita nella regione Grand Est (Fr), e si è posizionata fortemente come attore artistico del territorio, partecipando alla sua influenza culturale, con molteplici collaborazioni e supporti. Inoltre, è sostenuta dal Ministero della Cultura DRAC Grand Est dal 2020.