15 ottobre dalle h 21 | Cagliari – Teatro Massimo

ARTEMIS DANZA

 “Alfa”


ITALIA (Emilia Romagna)

Regia, coreografia e interpretazione: Jessica D’Angelo

Musiche originali: Stolfo Fent

Disegno Luci: Giacomo Casadei

Produzione: Artemis Danza

Alfa è un solo dove l’espressione della volontà dell’Essere nella sua molteplicità vede il suo fulcro nell’elaborazione corporea.

Il corpo diventa uno strumento di proiezioni, memorie e visioni. Le musiche originali del compositore Stolfo Fent in relazione alle “azioni coreografiche” offrono la possibilità di immergersi in un viaggio introspettivo. Corpo e musica in connessione tra loro rievocano parti del proprio vissuto. Un lavoro legato alle proprie origini, con un codice coreografico specifico connesso a sfaccettature dell’Io.

La scelta del titolo ALFA deriva dal suo molteplice significato simbolico.

Indica l’inizio, il principio di un vissuto.

Nel sistema numerico dei Greci di età ellenistica, era il segno usato per il numero 1.

In geometria la lettera alfa viene spesso usata per indicare i piani, e dunque gli angoli che costituiscono una parte di piano, così come altre lettere dell’alfabeto greco.

Nel Cristianesimo l’alfa e l’omega, associati, sono i simboli dell’eternità di Dio, posti come sono

all’inizio e alla fine di ogni cosa.

In etologia l’Alfa è un esemplare di animale sociale che occupa il rango più elevato nella gerarchia della sua società. Ancora oggi la donna quotidianamente si trova costretta a dover rispondere ai doveri che la società le impone, pur non rinunciando alle proprie ambizioni lavorative.

Questo implica un maggiore impegno e un grande sforzo per riuscire ad avere gli stessi successi, spesso riservati ai soli uomini. La parità di genere è ancora oggi un’utopia.